Marina Siniscalchi

 Marina Siniscalchi

Incantautori in città

Il nostro Festival torna in presenza per la gioia di bambini, ragazzi, docenti e famiglie e di quanti amano lo straordinario mondo della lettura”. Marina Siniscalchi è la Presidente di “Ebbridilibri”, associazione nata nel 2018 con l’obiettivo di diffondere il piacere della lettura cominciando dai più piccoli, “una passione – precisa – che deve essere continuamente alimentata e curata”.

Il Festival, Incantautori in cittá, giunto alla sua seconda edizione, si snoda nell’arco di 4-5 mesi con 3/4 eventi al mese e può contare sul Patrocino della Provincia di Avellino con un contributo economico, sul Patrocinio del Conservatorio Cimarosa e il Patrocinio culturale del Dipartimento di Scienze Umane, Filosofiche e della Formazione dell’Università degli Studi di Salerno.

Ricco di eventi e appuntamenti da non perdere il programma della manifestazione, curato da Marina Siniscalchi in stretta sinergia con le altre insegnanti del Team EbbriDilibri, Maria Venezia, Anna Caramico, Mariella Luciano, Giovanna Mauro, Antonella Venezia, Linda La SalaAngela Vecchione, è itinerante e organizzato in alcuni punti di incontro della città, come la Biblioteca provinciale e il Cinema Teatro “Partenio”, le librerie Mondadori e l’Angolo delle storie, L’Officina Lab e alcune scuole della città che accoglieranno autori e formatori. 

Nel mese di gennaio saranno proiettati, in collaborazione con lo “Zia Lidia Social Club”, cortometraggi e film per ragazzi per avvicinarli al cinema in maniera partecipata e consapevole. 

Si comincia con la presentazione dell’ultimo libro, “Crudo”, di Ornella Della Libera che tratta, con una scrittura graffiante e accattivante, problematiche sempre più diffuse tra i più bambini, come ludopatia, dipendenza dai social, sexting e altri reati sui minori.

In scaletta anche un incontro con Giuseppe Giorgio, esperto in sicurezza informatica e prevenzione dei rischi sul web e autore del libro dal titolo “Il profilo criminologico del pedofilo. Devianza e criminalità nell’era digitale”. In programma un convegno con il docente di letteratura per l’infanzia dell’Università degli Studi di Salerno Leonardo Acone che si soffermerà sull’analisi di alcuni testi di letteratura contemporanea e classica, riletti in chiave moderna e più leggera con l’obiettivo di avvicinarli il più possibile ai ragazzi.

“Il digitale è una grande opportunità, e durante la pandemia ne abbiamo avuto l’ennesima conferma, ma può diventare un rischio per l’uso scorretto che se ne fa, e gli incontri che abbiamo programmato vogliono mettere in luce i rischi che i giovani corrono sull’uso della rete e offrire anche agli adulti, docenti e genitori, una sorta di vademecum per una maggiore consapevolezza dell’uso della rete. Confrontarci su questi temi – precisa la Presidente di “EbbriDilibri” – è di fondamentale importanza per i ragazzi, le loro famiglie e il mondo della scuola”. 

“La colazione con gli autori”, incontro tra scrittori, ragazzi, docenti e famiglie, è l’occasione per parlare di libri e scrittura a stretto contatto con loro, in una atmosfera meno formale e più accogliente, e si parlerà anche di tematiche di attualità. Il narratore/formatore Nati Per Leggere Alfonso Cuccurullo  coinvolgerà, in tandem con Federico Squassabia, ragazzi e adulti in stimolanti percorsi di approccio e strategie efficaci alla lettura ad alta voce.

“La lettura resta la nostra straordinaria stella polare. Durante la pandemia – racconta Marina – siamo andati oltre la promozione della lettura, affiancando e supportando famiglie e docenti. Abbiamo organizzato una rassegna on line grazie al supporto degli sponsor, anche per far sentire la nostra presenza e aiutare a comprendere che il digitale, usato nei modi e tempi giusti, può essere considerato una grande risorsa, come è accaduto nel periodo della pandemia e del conseguente isolamento sociale: quando le scuole erano chiuse ha compensato la mancanza di contatto e relazione, anche se a distanza”.

Con il Festival quindi si tornerà finalmente alla condivisione, alla socialità, agli eventi in presenza. “La nostra Associazione è pronta a riprendere il suo cammino per promuovere e diffondere il piacere della lettura tra i più piccoli”, precisa Marina che lancia un appello anche alle famiglie. “I nostri nonni, una volta, amavano leggerci favole e racconti. Ecco, la lettura ad alta voce – precisa – resta uno dei metodi più efficaci per far apprezzare ai bambini la bellezza dei libri. Sarebbe bello riprendere quest’abitudine in famiglia, ma anche a scuola; per fortuna oggi molti docenti utilizzano questa pratica così consolidata in passato”. 

Una mission che “Ebbridilibri” ha affidato anche alla“casetta dei libri” allestita lungo il Corso di Avellino, nei pressi della libreria Mondadori, “diventata un punto di riferimento per tanti bambini e ragazzi – racconta – che hanno possibilità di prendere in prestito dei libri e di confrontarsi e commentare, se non addirittura consigliare ai loro amici delle letture. Quando i bambini iniziano ad amare i libri, sviluppano delle preferenze e cominciano a scegliere da soli i loro libri senza la mediazione dell’adulto, fino a diventare, a loro volta, promotori della lettura”. Marina Siniscalchi auspica anche una maggiore collaborazione all’interno del mondo delle associazioni. “Non è sempre facile condividere idee e progetti, ma io credo che sia una strada da intraprendere senza incertezze, anche per drenare maggiori risorse e offrire alla città – conclude – eventi e momenti di confronto e crescita culturali più strutturati, non più solo episodici”.

Quarantotto pagine, patinate e a colori. Un sito agile ed intuitivo. Free-press bimestrale e giornale online, per un'Irpinia come non l’avete mai vista. Che siate irpini, oppure no