ad Atripalda il regalo ha una VERVE speciale

 ad Atripalda il regalo ha una VERVE speciale

Lo storico marchio festeggia 30 anni di attività

Trent’anni nel segno della qualità, in perfetto equilibrio fra tradizione e innovazione. In alto i calici per lo storico marchio “Verve” di Atripalda che quest’anno festeggia un compleanno decisamente importante. Nato nel 1992, “Verve” è la risposta giusta per il migliore regalo in qualsiasi occasione e ricorrenza. Se poi sei alla ricerca di una bomboniera elegante e originale non puoi non affidarti al raffinato gusto e alla competenza di Virginia che si avvale della collaborazione di uno staff altamente professionale di cui fanno parte Anna, Veronica, Gerarda e Maria Teresa. Impegnata da sempre in prima persona in negozio, Virginia ha costruito sulla professionalità, sulla disponibilità e sul sorriso accogliente le basi per un rapporto di piena fiducia con la clientela. Caratteristiche che ha ricercato, e trovato, anche negli altri componenti del team, diventati negli anni un insostituibile punto di riferimento per il cliente che può così godere di un servizio di assistenza e consulenza personalizzato, in grado di fornire le risposte giuste ad ogni richiesta ed esigenza. “Quando, nel 1992, abbiamo iniziato la nostra avventura – racconta Virginia -avevamo già le idee chiare. Volevamo proporre ai nostri clienti oggetti unici e speciali, scelti con cura e attenzione, dopo aver girato e visitato le fiere di settore più importanti”. 

Una mission che, a distanza di 30 anni, non è cambiata. Virginia e il suo staff  continuano infatti a macinare chilometri, visitando le fiere e le aziende dei brand proposti poi in negozio. “Ci piace vedere come lavorano i nostri brand – continua Virginia – come nascono e prendono forma le novità fino a diventare prodotti finiti. Credo sia fondamentale per proporli poi al meglio nei nostri negozi”. Anche per questo lo staff di “Verve e Thun Shop Atripalda” è impegnato in periodici stage e corsi di formazione e aggiornamento. “Un passo sempre avanti” è il motto di un’attività portata avanti sempre con dinamismo e grande spirito di iniziativa. Basti pensare che, nel 1993, quindi appena un anno dopo il taglio del nastro, nel negozio faceva il suo ingresso il notissimo marchio Thun, diventandone, in poco tempo, il traino e il brand dominante fino a conquistare anni dopo, nell’aprile del 2018, l’intero spazio dello storico negozio in via Roma 116  ad Atripalda, da allora ribattezzato Thun Shop. Gli altri brand, quali Arti & Mestieri, Yankee Candle, Millefiori, La Porcellana Bianca, con in testa la storica insegna “Verve”, sono così traslocati in nuovi locali, sempre lungo via Roma al civico 179a. Due accorsati punti vendita guidati con la stessa passione e competenza. Neanche la pandemia ha frenato Verve, anzi. “Il Covid ci ha spinto a rivedere la nostra organizzazione, ad individuare nuovi canali di vendita”, precisa Virginia. I messaggi via chat e le video chiamate attraverso Whatsapp sono così diventati, insieme ad un uso massiccio dei profili social Facebook e Instagram in particolare, strumenti fondamentali per mantenere sempre vivo il rapporto con la clientela, ma anche per conquistare nuove fette di mercato. I social hanno infatti consentito di promuovere e commercializzare le proposte “Verve e Thun Shop Atripalda”, prescindendo dalla tradizionale visita in negozio. I servizi di consegna a domicilio e spedizione, hanno inoltre lanciato lo storico marchio ben oltre i confini provinciali. “La nostra organizzazione interna, da sempre strutturata in modo flessibile per rispondere al meglio alle richieste del mercato, ci ha consentito di capitalizzare le nuove opportunità nate durante l’emergenza. Oggi – conclude Virginia – “Verve e Thun Shop Atripalda” sono sempre più conosciuti e apprezzati, e questo rappresenta uno stimolo in più ad andare avanti, sempre nel segno della qualità e dell’innovazione senza tralasciare la tradizione”.

Quarantotto pagine, patinate e a colori. Un sito agile ed intuitivo. Free-press bimestrale e giornale online, per un'Irpinia come non l’avete mai vista. Che siate irpini, oppure no